inComunicati regionali il4 Giugno 2020

Basilicata: fauna selvatica, situazione cinghiali è fuori controllo e aggrava conto danni Coronavirus

Minichino, oltre 100mila cinghiali scorrazzano indisturbati e mettono a serio rischio l’agricoltura e la pubblica incolumità

Potenza, 4 giugno 2020 – “Continuiamo a ricevere allarmate segnalazioni da parte dei nostri soci, che ci riferiscono di ingenti danni causati dalla fauna selvatica alle coltivazioni; ci riferiamo in particolare ai cinghiali, che arrivano in branchi di 20 elementi, o anche più, e distruggono tutto ciò che si trovano davanti, causando danni ingenti ai vigneti, ai seminati e a tutte le coltivazioni in campo”. Ne dà notizia il presidente della Copagri Basilicata Nicola Minichino, spiegando che “la situazione nella Regione è ormai fuori controllo, tanto che sono sempre più numerosi gli avvistamenti di cinghiali addirittura nei centri cittadini, come avvenuto recentemente nel capoluogo”.

“La questione è resa ancor più grave dal fatto che ci troviamo alle porte della stagione della raccolta per molte coltivazioni e che tali problematiche vanno ad aggiungersi alle non poche difficoltà legate alla pandemia del Coronavirus, andando a erodere ulteriormente la già provata redditività dei produttori agricoli”, prosegue Minichino.

“Per tali ragioni, facciamo appello alla Regione Basilicata affinché si adoperi con urgenza per accelerare quanto possibile le procedure e le tempistiche necessarie al riconoscimento e al risarcimento dei danni; ci rivolgiamo, in particolare, al vicepresidente della Regione e assessore all’agricoltura Francesco Fanelli, al quale chiediamo di farsi promotore presso il Mipaaf di un confronto finalizzato alla sempre più improcrastinabile individuazione di una soluzione legislativa certa e immediata che possa andare nella direzione di risolvere, o quantomeno contenere, il grave problema dei danni causati all’agricoltura dalla fauna selvatica”, suggerisce il presidente della Copagri Basilicata.

“Non è più rinviabile, infatti, l’avvio di un serio piano per la gestione controllata delle specie faunistiche invasive, che oltre a rappresentare un concreto pericolo per le produzioni agricole, comportano problematiche di carattere igienico-sanitarie e mettono a rischio la pubblica incolumità, come dimostrano numerosi tristi episodi di cronaca”, rimarca Minichino.

“Nella sola Basilicata, ad esempio, parliamo di un problema che, secondo recenti stime dell’Osservatorio regionale degli habitat naturali, popolazioni faunistiche e biodiversità del dipartimento regionale all’Ambiente, dipende dall’azione pressoché indisturbata di oltre centomila cinghiali”. conclude.