inRassegna Stampa il29 Maggio 2020

Agi, “Dl rilancio: Copagri, non basta a garantire ripresa agricoltura” (29/05/20)

(AGI) – Roma, 29 mag. – “Per garantire un rilancio reale e
strutturato dell’intero settore primario, pesantemente colpito
dalla pandemia del Coronavirus, pur se in misura differente tra
i vari comparti produttivi, sono necessari da una parte
interventi nel breve periodo che diano immediato ossigeno ai
produttori e dall’altra iniziative che guardino al medio-lungo
periodo e assicurino la tenuta dell’agricoltura”. Lo ha
sottolineato il presidente della Copagri, Franco Verrascina,
intervenendo in audizione in Commissione Bilancio della Camera
nell’ambito dell’esame del dl rilancio.
Copagri ritene “prioritario: istituire un tavolo permanente al
Mipaaf con lo scopo di favorire e monitorare costantemente la
ripartenza del sistema produttivo agricolo del Paese;
intervenire per rafforzare lo strumento della cambiale agraria,
cosi’ da dare liquidita’ immediata alle imprese agricole;
introdurre misure a favore della sostenibilita’ ambientale delle
imprese agricole, anche attraverso l’estensione per il 2021 del
cosiddetto ‘Bonus verde’; rinegoziare il debito accumulato dai
produttori agricoli. Pur apprezzando l’impostazione della
maxi-manovra del Governo, infatti, con la quale vengono messi in
campo 55 miliardi di euro a sostegno del rilancio del Paese – ha
osservato Verrascina – riteniamo che lo stanziamento a favore
del comparto primario da solo non basti a tamponare le ingenti
perdite in termini di fatturato fatte registrare da moltissimi
comparti e da numerosi produttori e soprattutto a garantirne il
rilancio”. (AGI)Red/Gio

291451 MAG 20

NNNN